Skip to main content

Full text of "AIRAGHI C. (1897) Echinidi del Pliocene lombardo (Con una tavola)"

See other formats


\jP Biodiversity 
fe^HeriUge 

http://www.biodiversitylibrary.org 



Atti della Societitaliana di scienze naturali e del Museo civico di storia 

naturale di Milano. 

Milano :LaSociet1896- 
http://www.biodiversitylibrary.org/bibliography/16255 



V.37 (1897): http://www.biodiversitylibrary.org/item/54926 

Page(s): Text, Page 358, Page 359, Page 360, Page 361 , Page 362, Page 363, Page 364, 

Page 365, Page 366, Page 367, Page 368, Page 369, Page 370, Page 371 , Page 372, Page 

373, Page 374, Page 375, Page 376, Foldout, Text, Page 377 



Contributed by: Harvard University, MCZ, Ernst Mayr Library 
Sponsored by: Harvard University, Museum of Comparative Zoology, Ernst Mayr Library 



Generated 10 December 2009 5:40 PM 
http://www.biodiversitylibrary.org/pdf2/001695900054926 



This page intentionally left blank. 




EGHLMDI DEL PLIOCEXE LOMBARDO 



Nol:i d<'I socio 



I3ott. Carlo Airaglii. 

(Con una tavola.) 



Gli echinidi terziari iralciiiie reeioni d' Italia vemiero gik slii 




da valenti uaturalisti, qimli il Meaeghini, il 




e, il ]\razzetti, il Ta- 



niare se registrauo 



ramelli, il Mauzoni, qiiGlli invece die vissero iiel mare pliocenico di 
Lombardia non ebbero fiii ora clii li illustrasse. 

I vari cataloglii piibblicali sulla fauna di tale 
cenlinaia di specie apparteneiiti ai moUiischi, poche o piiiito lie aimo- 
verano di quelle apparteaeali agli ecliinidi. 

II pro£ Sartorio doI siio lavoro La colUna di S. 




e I 



suoi fossili} 




mi catalogo delle specie formanti la fauna cbe si 



troYo in quelle argille azzurre, non nota alcun echinide. II prof. Pa- 






rona, nella sua niemoria Esame compamtivo del vari lembi iMoce- 
mci lorahardi, registra solamente tre specie, due delle quali prove- 
nienti da Folia d'Induno (Schimster major Desor, Echinm sp. ind.) 
e una da Pontegaua (Brissojjsis sp. ind.). Il prof. De-Loriol, ucl suo 
pregiato lavoro Eehinides tertiaires de la Suisse^ descrive una specie 
rinvenuta ' a Pontegana, 11 BrissojJsis Pecchioli Desor. 





in una una memoria 



S. Colombano noto cinque specie d'ec': 
neri diver si. 




ranno scorso sui fossili 



a quattro ge- 




^ Cronaca del R. Liceo di Pistoja. 1879-80 



O " o 



oo>> C. AIRAGHL 

EppcrO, nella speranza di potcr maggiormento far conoscerc la fauna 
(lei vari lembi pliocenici lombardi, mi proposi di classificare le altro 
specie di cui si rinvennero i resti nei sedimeuti lasciati da tale mare 
e che ora si trovano nei Musei di Alilano, Pavia, Torino, e nella ricca 
collezione del dott. Fiorani di S. Golombano. 

Ai chiar. prof. Taramelli, Mariani, Parona, e all'amico dolt. Fiorani 
pertanto, che geutilmente misero a mia disposizione tale materiale, 
sento il dovere di porgere vivi ringraziamenti. Al dott. De-Alessandri 
pure, che m'aiuto nella determinazione di qualche specie, la min rico- 
noscenza. 

In tale modo ho potuto radunare un numero non indiilerente di esem- 
plari, e tra essi ue ho trovato di tatte lo localita plioceniche lombarde, 
tranne quelle di Nese e di Cascina Piizzardi. ^ Ma stante al cattivo 



state di conservazione della maggior parte di essi, se per taluni mi 



fii possibile determinare genere e specie, per altri, ho dovuto, come 
si A^ede dall'elenco qui unite- limitarmi al genere, e talvolta rinun- 
ziare affatto alia loro classificazione. . 



1 



II prof. Taramolli mi disse d'avor vislo <legU ecMnidi mal conservaii prove- 




i da Nese, ma ora iion soppo iiidicarmene le traccie. 
- 1. DoTocidaris papillata^ Leske — Taino. 

2. Cfjphosomaf sp. — S. Golombano. 

3. Leiopeclina, sp. — S. Colorabano. 



1. Echinus sp. ind. — S. Golombano. 

5. )) aff. margaritaceus^ Lam. ^ S. Colombauo. 

C. » nlf. hungaricm. Lam. — S. Golonilianit. 




iniis^ sp, — S. Golombano. 

8. Strong jjlocentrotus Draebachiensis^ Agas. — S. Golombano. 

9, Brissopsis latissimus^ Botto Mic. — Folia d'Induno. 

10. )) Genei, v. pliocenica Botto Mic. — Pontegana. 

11. » Pecchiolii^ Desor — Pontegana. 

12. » Ponteganensis, sp. n. — Pontogana. 

13. )) sper. — S. Golombano. 

14. H spec. — Pontegana. 

15. )) spec. — Pontegana. 

16. )) spec. — Pontegana. 



ECIIlNtDl DEL PLIOCENE LOMUAKDO. ^{fiO 



I 



Naturalmente quaiiilo i fossili soiio mollo mal consGrYati, 6 facile 
commettere errori, cosl ho pensato di riportare accauto alia fotografia 
delle specie nuove e di quelle meglio coiiservate, aiiclie alciuie di qu'.dltj 
di ciii ho potato determinare solameiUe il gciiere. 

Si potra quiiidi maggiormeiite couoscere gli avaiizi di ijue.sla fami- 
giia stabilirne i rapporti cou quelli gia illustrali degli altri lembi 

pliocenici italiaiii. 

Dai chiar. prof. Taramelli e .Mariani ebbi aiiche alciiiii echinidi mio- 
ceuici ^ provenieiiti iiiio dal Monle Vallassa (Val Slaffora), due da Yal 
Grande (prov. di Como),- di essi pure ho creduto bene parlarne in que- 
sto mio lavoro. 



LAYORI GONSULTATI 



183D, Agassiz, Descrij^itioas des eehijiodermes fossiles de la Saisse. 
1811. SiSMONDA, Blonografia degli echinidi fossili del Piemonte. 




em. della R. Ace. delle Scienze di Torino. Vol IV, serie 2.) 
1843. SiSMONDA, Echinidi fossili del contado di Nism. (Mem. della 

R. Ace. delle Scienze di Torino. YoL Yl, serie 2.) 
1851. A. Arades, Monogrcifia degli echinidi viventi e fossili di Si- 
cilia, (Societa Giovenica. YoL YIII, serie 2. Yol. X, serie 2.) 



17. Brissopsis spoc. — Pontcgana. 

18. M spec. — Pontegana. 

M aff. ovatus^ Sis. — Folia (riiiiluiio. 

20, Sclilzader major^ Desov — Folia (rindiino. 

21. » Scillae, Desor — S. Colombano. 




22. » Mariani, sp. n. — S. Colombano. 

23. n globidosus^ sp. n. — S. Colombano. 

■^ 1. Brissopsis AHcoleti^ Desor — Bizzozero (Val Grande). 

2. » sp. — Trivino (Val Grande). 

3. Maretia Pareii, Manz. — Vallassa. 

2 I fossili di Val Grande vennero raccoiti dal dott. Corti, Appunti di paleon 
tologia sul miocene del dtntorm di Como. {Rendiconti 1st. lomb. 189(3.) 



300 



C. AIRAGHr. 



18.j8. Desor, S//noj)sls ties Echi aides fosslles. 
1871, Laube, Die echinoideu der oesterreichiseh-iciujariseheii oheroi 

tertlaerablcujeriiiifieiL (ALlaiidl. der k. k. geol. Reichsaast. 



]5aiid V, heft 



o 



•) 



18 72, Agassiz, Revmon of the echiaL Cambridge, 1872-74. 



1874. M* Agassiz, Ec 

d it ion.) 



• • 





results of the Hasler expe 



1874. Taramellt, Dl alctud ecldmli eoeejdci deWMria. (R. Istit. 

veneto di Scieiize, ecc. Vol. Ill, serie 4.) 

1875. Desor, Lq iicujmfje morcdnlque. 

1875. De-Loriol, Eohiidde^ te'Hicdre^ de la Sidsse. (Memoires de la 

Societo ijalcoiUologique Suisse. Vol. R, vol. RI.) 

1876. De-Loriol, Description des echmodermes teriddres du For- 

tagal. Lisbona. 
1878. Manzoxi, GU ecldaodermi fossUi dello Schelier delle colUiie 

di BolofincL (Deaksch. der k. k. Akad. der Wissenschaft. 
Band XXXK, Abth. 1.) 



1878. Manzoni e 




AZZGTTI, 




lermi niiooi 





ullO- 



ceiiica dl Muutese nella ■provincia di Modena. (Atti della 
Societa toscana di Scienze Naturali. Vol. Ill, fascicolo 2.) 
1880. MANZONf, Eehiiiodermi fossili plio!)emci. (Atti della Societa to- 
scana di Scienzo Naturali. \o\. IV, fascicolo 2.) 



1880. MANZONf, Echiaodermi fossili della 




serpentiaosa e 



sttpijleiiieiiio afjli echiiiodermi dello ScJdier delle colline 
di Bologna. (Denksch. der k. 



Vkad, der Wissenschaft 



liand XXXXR, Abth. 11.) 



1880. Seguenza, Le fonna^ioni terziarie della pro oincia di Regcjio 

* 

Calabria. (Reale Ace. dei Llncei. 1879-1880.) 

1880. CoTTEAU, Description des echinides tertiaires de la Belgitiue. 

m. pub. par I'Acad. royale de Belgique. Vol. XLIIL) 

1881. Mazzetti, hchinodenai fossili di Montese. {km\. della Soc. 

doi Xatur. di Mod'^na. .\nuo VI. serie 2.) 




ECrilNlDI DEL PLIOCENE LOMliARDO. oGl 

1883. Taramelli, 1H lui (jiaclmealo dl arglUe idloeealohe fimllir 

fere rccentcracnte ^crypcrto jv^e^m Tahio. a le?mnte d^bi- 
(jcrcL (Atti R. Istituto lombardo.) 

1883. Parona, PJsaine compamtloo del vari lehihi plioceriici lorn- 

hardl. (Alti R. Istitiito lombardo.) 

1883. De-Loriol, Descri]}iloii des eaolrons de Cahteriao. (Mem. de 

la Soc. de phys. et de hist. iiat. de Geneve. Vol. XKVIII, 
part. 1.) 

1884. De-Loriol, Calalogm raisoiiiio des ccliinodermes recmilUs 






' J/. V. de Rohillard a Vile Blaurice. (Mem. de 
de phys. ecc. de Geneve. Vol. XX VIII, part 2.) 

1884. SniOxNELLT, // raoiite dclla Verna e i suoi fossili. (Boll. Soc. 

geol. ital. Vol. II, 1883.) 

1885. Mazzetti e Pantanellf, Ceuno monograflco intonio alia fauna 

fossile dl Montese. (Atti della Societa dei Naturalist! di Mo- 
dena. Vol. IV, serie III.) 

1886. Marlani e Parona, Fossili torioiiiaai di Capo S. Marco id 

Sardegaa. (Atti della Societa Italiana di Scienze Natural!. * 
Vol. XXX.) 

1887. Parona, AjjjM/iti per la paleontologia miocenica della Sar- 

degna. (Bolletlino della Societa geologica italiana. Vol. VI, 

fasc. 2.) 
1887. Gavara Fridl\no, Le sahhie maniose mioceniche di Mo agar- 

dim e i loro fossili. (Doll. Soc. geolog. ital. Vol. V.) 
1889. SiMONELLi, Terreai e fossili delV isola di Pianosa nel 

Tirreno. (R. Comitate geologico d' Italia. N. 7, 8.) 
CoTTEAU, PaleOiitologie fraacaise^ ecc, ecc. Paris. 
1894. Mazzetti, Echinidi fossili del Viceiitino o iiiiovi o poco aoti 

(Mem. della pontificia Accad. dei nuovi Lincei. Vol. X.) 






5. Mazzetti, Catalogo degli eoldnidi fossili della colle done 







zettl esistente nella R. Uiiivenita di Modena. (Memoria 
R. Accad. di Modona. Vol. X, XL serie 2.) 



362 



, C. AIRAGIII. 



1 




0. 



GoTTEAU, IJescrifjtionSi des cchiiiides mioccnes cle la Sardai- 






Oiie. 



Mom. de la Soc. g<'ol. de France. Vol. V, fasc. 2.) 



IS DO. BoTTo-MiGGA, Contrihuuone alio stiuJlo degli ecMnidi lermi.- 



rii del Plemonte. 



1897. AiRAGHi, 11 colle dl S. 




. Soc. geol. ital. Vol 



XV, fasc. 3.) 




am 




e t sicoi 





tegrasso.) 



1897. ViNASSA DE Regny, Eohitudi mogealci del mmeo 'parmeme. 

(Atti Societa Toscaiia di Scienze Natur. Vol. XV.) 
1897. De-Alessandri, La fietra da Cantoai di Rosignano e di Yl- 

gnale. (Mem. del Museo civico di Milaiio. Vol. VI, fasc. 1.) 








Ecliinidi regolari 



Dorocidaris papiliata, Leske. 

Tavola I, fig. 1. 




1874. Dorocidaris pa 



1878. 



1880. 



1880. 



1897. 



7) 



« 



ri 



w 




T, 



n 



y^ 



?5 



a Agassiz, lievmoii of 
pag. 254. 
Maiizoiii, Eelim. 





Echini. II, 




. di Bolo- 



* 

giia, pag. 54, tav. Ill, fig. 25, 26, 27. 
Manzoni, Echiiiodermi dclla Molassa 
serpeatiiiosaj, pag. 4. 
Manzoni. 




fossili plioce' 



* # 




pag. 3 



Vinassa de Regny, EcMnidi neoceaici 
del museo p}armensCj pag. 8. 



Uii solo frammento, ma molto beu conservato, in cui si riscontra il 
carattere distintivo di qiiesta specie ammesso dall' Agassiz: « 





ECHINIDI DEL PLIOCENE LOMCAUDO. 363 

iiUerambulacral space sunken, verlical suture of plates cUstiaclly mar- 
ked, edged bynarrow bare space. » 

LocaliliL — Taino presso Angera. 




zioiie. — Museo geologico di Pavia. 



Cyphosoma? sp. 



Un esemplare troppo guasto per potersi determinare. 
La tubercolazioue sembrerebbe di 



\ 






S. Colombano. 




ziom. — riorani. 



Leiopedina, sp. i 



Tavola I, fig. 






1897. Leiopedina sp. ind. Airaghi, // Colle di S., Colomhano e i 



suoi fossili, pag. 12. 

Un frammento clie e atto a costituire un genere, ma non mai una 
specie. La specie a cui esse appartiene differisce poi dal Chrysomelon 
Vicentiae Laube, per portare un maggior numero di lines di tubercoli. 

LocalUa. — S. Golombano. 




cnone. — Fiorani. 



Echinus sp. ind. 



Un frammento solo, Grande specie, a tubercoli numerosi, tra quali 
non scorgesi alcuna disposizioue regolare, di diverse dimeusioni. Aree 
ambulacrali fornite di tre paia di pori disposti ad arco e separati Tuno 
dall'altro da un piccolo tubercolo. I pori sono grandi, non rotondi, ma 
arcuati a forma di mezzalima. 



Vol. XXXV I r. 



24 



361 C. AIRAGIII 



Se per la clisposizioiie dei tubercoli e dimensioni corrisponde slVE- 
cliimis melo Lam. da esso diflerisce per la conformazione dei pori. 




alita. — S. Golombano. 



Collenone. — Museo civico di Milano. 



Echinus aff. margaritaceus Lamk. 

Tavola I, fig. 3. 



Forma di piccole dimensioni, subconico. Le aree interambiilacrali 

* 

presentano due serie di tubercoli principalis e due serie di tubercoli 
secondarii. Le aree ambulacrali pure portano due serie di tubercoli prin- 
cipali e due di tubercoli piu piccoli. I pori sono trigemini mollo avvi- 
cinati tra loro, sicche nella parte superiore un paia h sovrapposto al- 
r altro sulla stessa linea, nella parte vicina al peristoma invece sono 
disposti obliquamente. Questa forma e molto affiue all' Echimts mar- 
garitaceus Lamk. illustrata dall'Agassiz (Echim^ Zoological results 



of the Hasler expeditions, pag. 11, tav. II, fig. 5; tav. III, fig. 4), 



e corrisponde ad esso e per la forma in generale e per la tuberco- 





- S. Golombano. 




.■'V 

^ 




Museo civico di J! 




Echinus ailf. hungaricus Laub 

Tavola T, fig. 4. 



Uu esemplare mal conservato. E una forma di mediocre grandezza, 
subconico; peristoma pentagonale. Aree interambulacrali forniti di dieci 
serie di tubercoli, le ambulacrali di quattro. 

I pori nella parte superiore delle aree ambulacrali sono trigemini, 
nella parte vicina al peristoma le plachette portano solamente due paia 
di pori. 




ECIIINIDI DEL PLIOCENE LOMFURUO. 



365 



Per r ornamGiitazieno e per le dimcnsioni qucsta forma pii& essere 
avvicinata slV lich. ILiaijaH^^ Laiibe, ma Tosemplare o Iroppo gua- 
sto per asserirlo con certezza. 





uone. 



S. Colombaiio. 
Miiseo geologico 





Stirechinus sp, iud. 



* 

Tavola I, fig. 5 r/, 5 Z* 




Uii esemplare molto deformato, provvisto di tubercoli nelle aree am- 

appena piu piccoli di qiielli delle aree interambulacrali. Le 
due serie principali di tubercoli delle aree ambulacrali sono posti nel 
mezzo di altre due serie secondarie. Nelle aree interambulacrali oltre 
alle due serie principali abbiamo anche sei serie secondarie, clie scom- 
paiono quasi totalmente attorno al peristoma. 

Si distingue dallo StirecMnm Soillaej Desor (Desor, S(j 
pag, 131, tav. XYII Ms^ fig. 6, 7) per avere le placche am 
meno alte per la maggior regolarita nella disposizione 
secondari, e per le sue dimensioni maggiori. 



/ 




r 





1 









lone 



S. Golombano. 

- 3Iuseo geologico di Torino 



Strongylocentrotus Draebachiensis Agas. 



Tavola I, fig. 6 a^, 6 b. 



1872. Strong ijloceiitrotits Draehaehiensis Agassiz, Revision of the 

ini, pag. 276, tav. lY, fig. 2, 3, 4; tav. IX; tav. X. 

Diversi esemplari, ma tiitti qiianti in cattivo stato di conservazione, 
e solo mi fu possi])ile a riferirli a questa specie per la loro forma in 



o 



66 C. AIRAGHL 



generale conica, e per il uumero dei paia di pori per ogni placca am- 
bulacrale e per la loro disposizioiie ad arco. 

S. Golombauo. 
;^Iuseo civico di Milauo, museo geoloeico di Pavia. 







EcliiiiicLL irregolari. 



Brissopsis latissimus, Botto-Micca. 



1896. Brissopsis latissimus^ Botto-Micca, Coatrib. alio studio clegli 

ech. ters. del Piemonte^ pag. 9, tav. X, fig. 1. 

II raio esemplare corrisponde alia descrizione e figiira data dal Botto- 




Ha una forma ovato oWunga con la faccia superiore leggermente 
conyessa, e Tapice degli ambulacri subcentrale alquanto spostato all'in- 
dietro. II soico anteriore profondo, alquanto largo con pori separati da 
rigonfiamenti lineari. Le aree ambulacrali pari petaloidee larghe, poco 
escavate e le anteriori di poco piu limglie delle posteriori. 





Collezione, — Museo civico di Milano 



Brissopsis Genei^ Sism. 

V. ^liocenica^ Botto-Micca 



1896. Brissopsis Genei w pliocemca Botto-Micca, Goatrihimom alio 



) 



studio degli ech. ters. del Piem.j pag. 7, tav. X, fig. 2.) 



Dopo quanto scrisse T Homes credo inutile riportare le ragioni per 



cui questa forma, attribuita prima al genere Sc]mastei\ e quindi al 
ToxohrissiiSj sia stata posta tra le Brissopsis. 

Trovo poi giusto cbe Botto-Micca abbia riferito i suoi esemplari di 
M. Gapriolo a questa specie facendone una varieta. L'avere i petali in 



EGIIINIDI DEL PLIOCENE LOMBARDO. • 367 

geueralo piu stretti, e quelli posteriori piil vicini noii lo credo un ca- 
rattere sufficiente per fame uua specie iiuova. 



Loealita. — Pontegana. 




^^ 





iiseo civico di 




Brissopsis Pecchiolii, Desor. 



1876. Brissomis PecehioUi De-Loriol, DescrifUon des oui'^iins ler- 




'aires de la Suisse, pag. 37, Vol. XXII, fig. 7. 

Sebbeue di questa specie noii abbia alcuii esemplare, pure credo sia 
bene ricordarla se noii altro perche il mio catalogo riesca complete nel 



miglior mode possibile. Venue trovata nel lembo pliocenico clie affiora 
a Pontegana, e descritta dal De-Loriol nell' opera citata. 



Brissopsis ponteganensis, sp. n 

Tavola I, fig. 7. 



Specie di piccole dimensioni, leggermente esagonale, obhinga, aree 
luterambulacrali piuttosto rigonfie e sporgenti. L'apice degli ambulacri 
6 subcentrale, un poco spostato all' indietro ; il solco anteriore poco pro- 
fondo e non presenta pori. Le aree pari petaloidee sono piuttosto larghe, 
poco escavate, le anteriori piu lunghe e piu divergenti clie le posteriori. 
Le zone porifere sono larghe, e le due file di pori distanti fra loro; i 
pori della serie interna eguali a quelli della serie esterna ; le zone in- 
terporifere larghe. L'apparato apicale presenta quattro pori, di cui gli 
anteriori sono piu piccoli e piu ravvicinati tra loro che i posteriori, 
pill grandi e posti piu lontani 1' uno dall' altro. 



Lunghezza mm. 20, larghezza mm. 17. Non posso dare laltezza 
avendo il mio esemplare subito uno schiacciamento. 

Questa specie si distingue dalla Bri-^sopsis Borsonii Sism., che per 
la sua forma potrebbe assomigliarle di piu, e per la sua altezza, che 



o 



68 G. AIRAGIII. 



credo miiiima nel Brissopsis poalecjcinenm e per la disposizione dei 
pori sui petali pari. 



Localita. — Pontegaua. 



.uoiie. — Museo civico di Mi 




Brissopsis, sp. ind. 



18!J7. Brhsopsis sp. ind. Airaglii, II Colle di S. Colombano e i suoi 

fossili^ pag. 12. 



Riporto aiicora, come gia feci iiella memoria cilata, quanto mi disse 
il prof. Paiitanelli, clie ebbe in esame 1' imico e male conservato esem- 
plare appartenente a qiiesta specie, « E una specie analoga alia BHs- 
sojms hjsetera dei mari del Nord, ed e forse una specie nuova, ma 
troppo guasta per potersi descrivere. Differisce poi dalla Brissopsis 
lysetera per essere questa meno declive in avanti e per aver la faccia 



superiore piu convessa. « 




S. Colombano. 



Colledoae, — Fiorani. 



Brissopsis, sp. ind. 



Un esemplare solo e mal conservato. Specie di piccole dimensioni, 
ovata oblunga, faccia superiore e posteriore plane. Apice degli ambu- 
lacri subcentrale, spostato un poco in avanti; il solco anteriore poco 
profondo, stretto, con piccoli pori. Le aree ambulacrali pari petaloidee 
sono piuttosto larghe in forma di mezzaluna, poco escavate, le anteriori 
egualmente lunglie che le posteriori, ma queste di molto piu divergenti 
clie quelle. Le zone porifere sono larglie, le due file di pori poco 
stanti fra loro, le zone interporifere strctte. L'apparato apicale prcsenta 
quattro piccoli pori; i due anteriori piu piccoli e piu vicini tra loro 
che i posteriori, piu grandi e piu lontani. 




ECIIINIDI DEL PLIOCENE LOMUARDO. 309 

Mi troYO neir impossibility di dare le precise dimensioni di questa 
forma, che se lia conscrvato ancora abbastaiiza bene la f^artc centrale, 
altreltanto noii si pii5 dire del siio coiitorno alqiianto abraso ; 6 poi 

molto schiacclata. 

Qiiesto Brissopsis e viciuo al Briss. PeccluoUl De-Loriol riuvcniUo 
pure a Pontegana, ma credo si debba tener distinto e perche presenta 
gli ambulacri pari molto larghi e d' una medesima lunghezza, e per- 
clie ha gli ambulacri pari anteriori piu divergeuti clie nou i posteriori, 
e le zone interporifere piu strette in confronto col Briss. PeeeluoUL 
Inoltre il Briss. PeccMolii avrebbe una forma piuttosto rotonda, men- 

t.-e voleudo oomplolare 'il coatorno del mio esemplare si avrebbe una 

forma piuttosto oblunga. 







ct • 



CoUe.:iofie, — Museo civico di Milano 



Brissopsis, sp. ind. 





Un piccolo esemplare clie potrebbe essere avvicinato al Bnssoims 

m^ Sism., sia per il contorno in generale e per le dimen- 
sion!, ma da questa specie diversifica e per avere I'apice ambulacrale 
posto maggiormente airindietro e per i petali anteriori di molto piu 
lunglii dei posteriori. 11 cattivo state di conservazione di questo eclii- 
nide non mi permette maggiori 

Localita. — Pontegana. 

i^iode. — Museo civico di Milano 





Brissopsis, sp. ind. 



Un esemplare conservato solo per meta. E una specie di medie di- 
mensioni, e forse una specie nuova. Diversifica da tutte le altre per 
i suoi petali molto larglii; gli anteriori molto divergenti e aperti all'in- 
fuori, i posteriori pure molto divergenti; le serie dei pori negli am- 






70 C. AIRAGHL 



bulacri pari molto Ijeii distinli e loutaiie tra loro; i pori soiio separati 




da linee trasiersali molto salientL L'ambulacro impan anteriore 
largo che giunge sino alForlo ; provvisto da piccoli pori separati da li- 
nee trasversali salieuti come negli ambulacri pari. 

Potrebbe essere avvicinata al Briss. Lynfera,, figurato dall'Agassiz 



(Revisioii of the echini, part. 11, tav. XXT, fig. 2) pei suoi petali 
pari, ma diversifica da questa per avere Tambulacro impari molto piu 
largo pur teneiido conto auche che Fesemplare ch' io possiedo e il mo- 
dello interno. 




Poutegeua. 



Colledom. — Museo civico di Mikno 



Brissopsis, sp. ind. 




Uii esemplare troppo male conservato ; apice ambulacrale posto molto 
' iiidietro, petali pari egiialmeute divergent!, gli anteriori piu lun- 
ghi, zone interporifere larghe, diritte ; spessore massimo a un terzo 
del margine anteriore. Per la sua forma potrebbe essere avvicinato al 
BriM. ititermedim Sism., ma si distingue da questo oltre clie per al- 
cuni dei caratteri sopraccennati anclie per le sue maggiori dimension!. 




. — Pontegaaa. 
Colledoiie. — Museo civico di Milano. 



Brissopsis, sp. ind. 



Un esemplare col contorno abraso; faccia superioro plana, sommila 
ambulacrale subcentrale, spostata verso I'orlo posteriore. Solco anteriore 
poco e.^cavato, provvisto di piccoli pori sparisce verso il bordo : petali 
pari anteriori larghi, arcuati alia sommita, quelli posteriori pure larghi, 

ma brevi, rotondeggianti, 

So questa specie puu essere avvicinata al Bi'iss. ovatus Sism. per 
la disposizione dei petali, diversifica per la sua forma rlie invece di 



ECIIINIDI DEL PLIOCENE LOMBARDO. oil 

essere rotonda, ovoidale, 6 allungata esagonale. Una certa aualogia [)0- 



trebbe averc auclie coU' Hernias ter Canavarii De-I.oriol 




• • 




de CamerinOj De-Loriol, plane. Ill, fig. 3), ma questa oltre che essere 
una forma miocenica presenta anche i petali anteriori mollo piil brevi. 

Yal Faido, 
edoiie. — Museo civico di Milauo. 





Brissopsis aEf. ovaius, Sism. 



Uu esemplare molto mal conservato avendo suIjUo certo un graude 
scliiacciamento, potrcbbe pero essere avvinato al Briss. ovatiis Sis. 




Folia d'Induno. 
CoUesioue. — Museo civico di Milano 



Brissopsis Nicoleti, Desor. 



1857. Brissopsis Nicoleti Desor, Siiiopsis, pag. 380. 
187G » » De-Loriol, Description des oiirsins tert. de 

la Suisse,, pag. 95, tav. XV, fig. 3, 4. 

II mio esemplare corrisponde perfettamente alia descrizione e figura 
data dal De-Loriol. 





y m 



Bizzozero (sponda destra dell'Olona). Miocene 



Collezioiie. — ]\Iuseo civico di Mik 



Brissopsis, sp. ind. 



Un esemplare troppo male conservato. La specie a cui appartieue, 
potrebbe essere avvicinata alia Briss. Borsoiiii Sism., ma da essa di- 
versifica molto per i suoi ambulacri pari posteriori molto piu brevi; 
inoltre il Briss. Borsoaii sarebbe una forma pliocenica e non mioce- 
nica, come lia dimostrato Botto-^Iicca (Contribiuioae alio studio degli 



372 C. AIRAGHI. 





''Z 



iari del Piemonte)j, raenlre il mio esemplare proviene 



da Yal Grande, presso Trivino (prov, di Gomo). Miocene. 



ColleuoM. — Miiseo civico di Milano. 



Schizaster majoPj Desor. 



1858. ScMzaster major Desor, Smiopsis, pag. 390. 




1896. 7' fl Botto-Micca, Gontrih. alio studio degli eclh 

terz. del Pieinonfej pag. 18. 

1897. Ilemiaster major Vinassa de Regny, Echinidi neoceaici 

mnseo parmensCj pag. 17. 
189G. Sclmaster major Do Alessandri, La pietra da Cantoiii ecc.^ 

pag. 72. 



Riferisco a questa specie tre esemplari abbastanza bene conservati 
nella loro porzione superiore. 

La siiperficie e coper ta da tubercoli molto piccoli senza alcuna sim- 
metria. La parte posteriore elevasi gibbosa, e cosi la superficie pre- 
sentasi a piano inclinato dalPindietro alFavanti. Sommita ambulacrale 
posta nel centre. L'ambulacro impari anteriore molto largo e molto 
escavato, a fondo piatto, e si estcnde fine al margine. I petali pari 
anteriori, sottili presso le piastre madreporicho, vanno man mano al- 
largandosi verso le estremit^, e si fanno profondi, arcuati a foggia di S; 
quelli posteriori invece soiio brevi e retti. 




Folia d'lndiino. 
Collczione. — Maseo civico di Milano. 



Schizaster Scillae, Desor. 



1843. SchLastvP earijmtus Sismonda, 3feiii, stigll cch'iildi fossili 

del Conf. di Nu;:a^ pag. 31, tav. II, 
fig. 2, 3). 



EClllNlDI DEL PLIOCENE LOMDAKDO. 373 

1858. Schuasier Scillac Desor, S/j^iojjsis, pag. 389. 
187L •> w Laiibe, Die EehinokL tier oesierr.'h^fiya- 

risch. obcrc/h ten. pag, 7i. 



1880. -^ •' Cotteau, Desor, des ec/uiL lerL dc la Bel- 

av. VI, fig. 3. 

•J 885. -^ " MazzGtti e Pantanelli, Cenao ntoa. lutorno 




alia fauna foss. dl Moalese, [>ag. 20. 
188 7, w ^ Mariani e Parona, Fomli lort. dl Capo 

S. Ifarco id Sardcgita^ pag, 55. 
1887. :' n jTidiano Cavara, Le snhble huu'aoi<e jdloc. 

dl Mongardlao^ ccc.^ pag. 11. 
1805. '^ ^ Cotteau, Descrlpt. des Echini des Yiuochie^ 

dc la SardaicjiiGj pag. 42. 
1800. 5' f^ Bolto-Micca, Coatribtu. alio stadio degli 

echiiL^ ecc.^ pag. iO. 



1800. ^^ V. De-Loriol, Ecluitodermes tertiaires dit Por- 

iayalj pag. 48. 
1807. ^' w Airaghi, II Colle dl S. Colombaao e i mm 

fossilij pag. 12. 
1807. w •• De-Alessaiidri, La inetm da Cantoai di 

PiOsifjnaiiOj ecc., pag. 71. 

Dopo quaiito dissero i diversi aiitori di questa specie credo inutile 
aggiungere altro, tan to piii che i miei esemplari non preseutano alcuna 
particolarita degna di nota. 

. — S. Golombaiio. 






nioae. — Museo civico di Milano. — Fiorani 



\ 



374 C. AIRAGIII. 



Schizaster Mariani, ii. sp. 

Tavola I, fig. S a^ S b. 



Forma di meclie dimensioui, cordiforme, alkmgata, colla maggior lar- 
»^hezza spostata verso la parte anterlore, quasi in corrispondenza all'a- 
pice dei pelali pari anterior!. 

Lo spessoro massimo si trova sol to alFarea inter ambiilacrale poste- 
riore in corrispondenza al foro anale; lo spessore vien qiiindi dimi- 
nuendo cosicche la faccia superiore resta molto inclinata aH'avanti ; la 
faccia inferiore e poco convessa nella parte centrale, piana ai lati della 
fasciola subanale. La sommita ambulacrale molto spostata all'indietro, 
gli ambulacri pari anterior! larglii e divergenti, foggiat! a forma di S; 
i posterior! grand!, rotondi, profondi, poco acuminati all'indietro. Aree 
ambulacrali e spazio interporifero larghi. 

II solco anteriore e largo, restriogendosi arriva fino alForlo, e for- 
nito di piccol! pori, separati gli uni clagli altri da linee trasversali. 

Le aree interambulacrali anteriori strette, le lateral! auipie e incur- 
vate, quella imparl posteriore subcarenata e foggiata a rostro. 

Qiiesta specie si avvicina molto alio Sehis. ]iijriformis^ Botto-Micca, 
e di questa infatti lia molti caratteri. Si distingue dallo Scliis. pyrl- 
formis per aver la parte anteriore meno acuta, uiio spessore minore 
e in generale una forma piu rotondeggiante. " 

Dallo Schi:. Karreri Laube, col quale ha pure affinita, si distin- 
gue oltre clie per la sua forma in generale, per la disposizione e forma 
degli ambulacri, 

Al chiar. prof. Mariani, cLe gentilmente mi diede ospitalita nel suo 
\atorio, in segno di riconoscenza, ho dedicate questa specie. 

Localila. — S. Colombano. 

,:ione. — ^Aluseo civico di Milano. 





/ 



ECIIINIDI DEL PLIOCENE LOMBARDO. 375 



Schizaster globulosus, sp. n. 



Tavola I, fig. D a^ [) h. 
1897. Sdiuasler sp. Airaglii, 11 Colle iV S. Colomkido e i 6aoi 



fossiU, pag. L). 

Forma di mcclioci'e dimensioiie, ovoidale, carattehzzata dalla curva 
riscntita e quasi regolare della sua faccia superiore. La sommita am- 
bulacrale di poco spostata all' iiidietro ; gli ainbulacri pari anteriori lar- 
glii e divergenti, leggormente foggiati a S^ i posteriori meuo diver- 
genti, pure larglii e profondi e leggermente acumiuati airindietro. 

Aree ambulacrali e spazio interporifero larglii. 

II solco anteriore largo e profondo e iutacca il margine. 



Le aree interambulacrali anteriori strette, quelle lateral! larglie e 
incurvate, quella imparl posteriore molto alta, subcareiiata e foggiata 
a rostro. 

Faccia inferiore? Nulla posso dire, poiclio runico esemplare male 



conservato ne'e mancante. 

Lo Schi:. globuloms e molto viciao alio Sclm. Scillae^ Desor, ma 
mentre lo Scillae e piuttosto allungato, lo Schu. globuloms lia ima 
forma piuttosto rotondeggiaute ; inoltre in qnello la faccia superiore e 

* 

molto inclinata all' avanti, meiitre in questo e quasi regolarmente curva, 
carattore che ra'lia deciso a .distingue rlo coU'aggettivo (jlobtolosm. 

S. Golombauo. 
Collezione. — Fiorani. 




Maretia Paretl, Mang. 

Tavola I, fig. 10. 



1878. Maretia Pareti Manzoni, Gli echiiiicU fossili dello SclUicr 

delle colline di Bologna ^ pag. 158, tav. I, fig. 1-2, tav. II, 
fig. 28, tav. IV, fig. 33 a 39. 



370 G. AIRAGIir, 

Di questa bellissima specie teiigo uii bel esemplare, molto ben con- 

_ X 

servato specialmente nella parte superiore. E una forma di grandi di- 
mensioni, ovata, obliinga, coirestremita aiiteriore tondeggiante, sinuata 
dair incavatura del solco anteriore, coU'estremita posteriore piuttosto 
acuminata. La faccia superiore e leggermente convessa. L'ambulacro 
imparl appena sensibile verso Tambito, gll ambulacri pari poco esca- 
Tati e ampii, quelli posteriori pero plii luoghi e larghl e meno dlver- 
genti di quelli anteriori. La faccia superiore e coperta tutta quanta da 
tubercoli tranne die nello spazio ambulacrale anteriore e nella estre- 
mita posteriore. 

Sul mio esemplare si possono osservare abbastanza bene anche i ca- 

« 

ratteri di minima importanza, e corrispondono alia descrizione data dal 
Maiizoni. 



Localita. — Vallassa (Val Staffora). Miocene. 



Collenom. — Miiseo geologico di Pavia. 



GONGLUSIOiNE. 



Era mio desiderio, mediante questo studio, non tenendo conto delle 
tre specie mioceniclie, portare un lieve contribiito nello stabilire le ana- 
logic esistenti fra i diversi sodimenti pliocenici lombardi in relazione 
alia lore eta, ma la poverta di questa fauna ecliinologica, unitamente 
ali'impossibilita di una precisa determinazione di tali fossili mal con- 
servati, non mi permisero di farlo. 

I depositi pero di Pontegana, dove si rinvennero diversi Bnssojjsis, 
e di Taino, dove fu raccolto il Doroc. impillata Leske, probabilmente 
si devono considerare come formazioni di un mare piii profondo di 
quelle di S. Colombano, dove si trovo lo Strongylocentrotus Draeba- 
chiemis Agas., che tutt* ora vive nolle acqne poco profonde. Ad una 



C. A I RAG H I - (geAmieA iAf^tfcrrf^f /^^^/w/r/^, 



£ltli Soc. V^Xai^ 3i Scieit. SLat. - Tav. I 



fig. 8, a 




fig- 8. b 




fig* 9. a 




fig. 5. a 



fig, 7, 



fig- 3 



fig. 6. a 






fig, 6* b 



fig. 10, 



fig. 9. b 






fig, 1 



flg. 5. b 





fig, 4. 



fig. 2. 




> 





.> 



%► '-^ 



FOTOCOLL, CAL?OLARl E I-'EI^RAKIO, MILAWO 



't 1 
t ■ 




ECIIINIDI DEL PLIOCENE LOMIURDO. 377 

simile coiiclusioiie si pGrveiine ancho collo studio fatto siii rnolluschi 



e foraminiferi di questi deposit i. ^ 



Se si confroiita poi qiiesta fauna echinologica con quella gia illu- 



strata degli altri sedimenti plioccnici d' Italia, si vede die solamonte 
qualclie specie 6 comune alia maggior parte di esse (Dorocidans jpa- 



inllata^. Echhim Imngarims)^ e che lia una maggior relazione con 
quella del Piemoiite, dove pure, come in Lombardia, si trovO il i?/vx- 
soims Genet var. pliocemca^ il Br is. Intissimus^ il Bris. Pecchioli^ 
lo Sehimsfer majoj-j lo Sclii:aster Scillae^ ecc. 

Infino se si cousidera che il piu gran nuinero delle specie di dette 
faune appartiene ai generi Echinus, ScJmaste}% Strongyloccatrotiis^ 
Borocidaris, proprii, secoudo TAgassiz, della provincia atlantica, si 
deve ritenere che le condizioni del mare pliocenico d' Italia non dove- 
yano essere notevolmente diverse da quelle attuali del Mediterraneo, 



Dal Miiseo Civico Ji Milano, 1898. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA. 



Fig. L Dorocidaris papillata, Leske 



)> 2. Leiopedina, sp. ind. 

M 3. Echinus aff. margaritaceus, 

)) 4. )) )) hunqaricus, 





)) 5. Stirechinus, sp. ind. {a faccia superiore, b faccia inferiore). 

)) 6, a. Strongylocentrotus Bracbachiensis, Agas. (6, b placclie con pori). 

)) 7. Brissopsis ponteganensis, sp. n. 

)) 8. Schizaster Mariani, sp. n. {a faccia superiore, b di profllo). 

» 9. » globulosus, sp. n. [a faccia superiore, b di profilo). 

» 10. Maretia Pareti, Manz. 



1 Vedi Sartorio, Parona, loc. cit., ]\L\RiAKr, Foraminiferi della Collina di 
S. Colomhano lodigiano. (Rondiconti 1st. lomb. 1888.)